YEAR 2: Trapianti in Dialèt Bresà by the High-School Students of the ITS “C. Battisti”, Salò, Italy.

cropped-dsc05660.jpg

This year too, I am extremely grateful to be able to feature some original translations, or Trapianti (transplantations) into my native Italian dialect, el Dialèt Bresà (a non-standard variety of Italo-romance), sent by a group of high-school students of the Institute ITS “Cesare Battisti” in Salò (BS, Italy). These translations were produced during the School Year 2015-16, and this is indeed the second year of a fruitful collaboration between Transferre and this Italian High School. Click here to find their 2014-15 submissions.

It was, once again, the enthusiastic high-school teacher Anna De Santi, who encouraged her students to translate some of the texts they were studying into their native dialect, el Dialèt Bresà, one of the many endangered languages of Italy. This year we also have a translation of Ugo Foscolo into Brazilian Portuguese, thanks to an active bilingual student.

Before enjoying these exquisite translations, let me publish the cover letter that Prof. Anna De Santi kindly sent me, when forwarding her students’ work:

Carissima Valentina,

eccoci qua, un anno dopo, con nuovi trapianti. I traduttori di quest’anno non sono maturandi, ma allievi della 2D TMO e della 4A SIA. Si sono cimentati nella traduzione di autori di secoli lontani, cosa che ha reso l’impresa ancora più folle.

Hanno infatti “trapiantato” poesie di Guido Cavalcanti, Francesco Petrarca e Ugo Foscolo, con una piccola incursione nel Novecento da parte degli alunni di seconda.

Pensavamo che tradurre in bresciano versi stilnovistici fosse una missione impossibile, ma, sorprendentemente, non è stato così. Meno agevole è stato, invece, riprodurre l’ipotassi foscoliana che abbiamo talvolta trasformato in paratassi, con risultati, speriamo, accettabili.

In più, rispetto allo scorso anno, grazie al nostro alunno italo-brasiliano e all’aiuto di una sua amica, abbiamo una traduzione in portoghese del famoso sonetto di Ugo Foscolo, Alla sera, del quale non ho dunque potuto fare alcuna revisione; posso solo dire che, a me – totalmente a digiuno di questa lingua gentile – pare che il risultato “suoni” decisamente bene.

Anche quest’anno ci siamo avvalsi, soprattutto per il lessico, della preziosa consulenza del prof. Paolo Maggi, che ci ha supportato con la sua competenza, specie quando stavamo gettando la spugna…

Vorrei, infine, ancora esprimere un sincero ringraziamento da parte dei ragazzi e, naturalmente, anche da parte mia, per la preziosa opportunità che ci hai così gentilmente offerto nel nostro incontro di febbraio, di continuare in quest’impresa, tanto strana quanto, crediamo, utile.

Con sincera stima e infinita gratitudine

Anna De Santi

Transferre would like to thank these brave translators: 

2D TMO: Valentina Saletti, Elisa Bottarelli, Nicolò Beschi, Mattia Massolini e tutta la classe per “Erano i capei d’oro a l’aura sparsi”;

4A SIA: Andrea Franzoglio, Maurizio Bignotti con Léia da Silva, Federico Antonioli e Debora Vedovelli.

VO’ CHE ATRAVERS I ÖCC M’I TRAPASAT EL CÖR

Guido Cavalcanti (1250/59- 1300)

 tradusiù dela Valentina Saletti

Vo’ che atravèrs i öcc m’i trapasat el cör
e ghif desedat la mét che la durmia
vardì l’angusiusa vita mia
che suspirando el la ruina l’Amur.

Lü ‘l ve avanti a taià con tata forsa,
che i oter fiac spiritei i scapa vià:
me resta de me la furma apéna
e la us debola che la parla del me dulùr.

Chesta forsa d’amur che la m’ha ruinat
dai vos öcc şintii l’è partida de cursa:
‘na frecia nel fianc el m’ha trat.

La m’è rivada isé drita al prim colpo,
che l’anima tremando la s’è strimida
nel veder el cör mórt dala banda sanchina.

Original Italian Version

Voi che per li occhi mi passaste ’l core
e destaste la mente che dormia,
guardate a l’angosciosa vita mia,
che sospirando la distrugge Amore.

E’ vèn tagliando di sì gran valore,
che’ deboletti spiriti van via:
riman figura sol en segnoria
e voce alquanta, che parla dolore.

Questa vertù d’amor che m’ha disfatto
da’ vostr’ occhi gentil’ presta si mosse:
un dardo mi gittò dentro dal fianco.

Sì giunse ritto ’l colpo al primo tratto,
che l’anima tremando si riscosse
veggendo morto ’l cor nel lato manco.

***

CIARE FRESCHE E DULSE AIVE (prima stanza)

Francesco Petrarca (1304-1374)

tradusiù del’ Elisa Bottarelli

Ciare, fresche e dulse aive
‘ndoe le bele furme
la g’ha postàt éla che sula a me la par fonna;
şintil ram contét
(tègne en cœr suspirando)
a éla de faga al bel fianc colona:
erba e fiur che la sotana
grasiusa la g’ha quarciat so
co l’angelica piega del vistit;
aria sacra, serena,
‘ndoe Amur coi bei œcc el m’ha dervit el cœr:
scultim ensèma
a le me duluruse ültime parole.

Original Italian Version

Chiare, fresche e dolci acque,
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo ove piacque
(con sospir’ mi rimembra)
a lei di fare al bel fianco colonna;
erba e fior’ che la gonna
leggiadra ricoverse
co l’angelico seno;
aere sacro, sereno,
ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse:
date udïenza insieme
a le dolenti mie parole estreme.

***

I ERA I CAVEI D’OR A L’ARIA SPANDICC

Francesco Petrarca (1304-1374)

Tradusiù dela class 2D TMO

I era i cavei d’ór a l’aria spandìcc
che ‘n mile duls gróp la ghe girava ‘nturen,
e ‘l bel lœm fœra de misüra el lüsia
de chei bei œcc ch’adess i n’è isé scars;

e ‘l müss de culur pietus fas,
so mia se vero o balòs, me paria:
me che l’esca amurusa al cœr g’hie,
qual meravéa se sübit nae a fœc?

L’ira mia el so na ‘na ròba mortal
ma dala furma de àngel, e le parole
le sunava oter che ciara us;

en espirit del ciel, en vif sul
l’è stat chel che go vist, e s’el fœs piœ isé,
piaga per molàs de l’arc no la sana.

Original Italian Version

Erano i capei d’oro a l’aura sparsi
che ’n mille dolci nodi gli avolgea,
e ’l vago lume oltra misura ardea
di quei begli occhi, ch’or ne son sì scarsi;

e ’l viso di pietosi color’ farsi,
non so se vero o falso, mi parea:
i’ che l’esca amorosa al petto avea,
qual meraviglia se di sùbito arsi?

Non era l’andar suo cosa mortale,
ma d’angelica forma; e le parole
sonavan altro che, pur voce umana;

uno spirto celeste, un vivo sole
fu quel ch’i’ vidi: e se non fosse or tale,
piagha per allentar d’arco non sana.

***

EN MORT DEL FRADÈL GIOÀN

 Ugo Foscolo (1778-1827)

tradusiù del Andrea Franzoglio 4A SIA

En de, se saró mia semper dré a scapá
de zet en zet, te me vedarét sintat so
sö la tò preda, oh me fradèl, a pianzer
el fiur pasìt dei tò zentii agn.

La mama sul strasinando i sò de,
la ciciara de me co la tò sènèr möda:
ma le me ma delüse a voter slonghe,
e se da luntá i me cóp salüde,

sènte el distì catif, e le scundide
preocupasiù che al tò viver i era tompèsta,
e aca me préghe nel tò pórt en pó de rèchie.

Chèsto de tanta speransa encö me resta!
Zet foresta, i me òs purtì
alura al coeur dela me póra mama.

Original Italian Version

Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo
Di gente in gente; mi vedrai seduto
Su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
Il fior de’ tuoi gentili anni caduto:

La madre or sol, suo dì tardo traendo,
Parla di me col tuo cenere muto:
Ma io deluse a voi le palme tendo;
E se da lunge i miei tetti saluto,

Sento gli avversi Numi, e le secrete
Cure che al viver tuo furon tempesta;
E prego anch’io nel tuo porto quiete:

Questo di tanta speme oggi mi resta!
Straniere genti, l’ossa mie rendete
Allora al petto della madre mesta.

***

ALA SERA

 Ugo Foscolo (1778-1827)

tradusiù del Federico Antonioli 4A SIA

Forse perchè dela fatal quiete
te set el ritràt a me s-ce cara te vègnet
o sera! e quand i te ve dré contécc
i nigoi d’istà e i spìfer seré,

e quand dal ciel nevus póc chiète
tènebre e longhe a l’üniverso te ménet
sèmper te vègnet envocada, e le scundide
vie del me cör soavemènt te tègnet.

Te me fet na coi me pensér sö le pes-ce
che va al negót eterno; e ‘ntant le scapa
chèsto tép catif, e ‘l va con lü el ròss

dele preocupasiù che con me el la consöma;
e ‘ntat che me varde la to pace, el dórme
chèl espirit de guèra che déter el me röma.

NA NOITE

 Ugo Foscolo (1778-1827)

Traduzione in portoghese di Maurizio Bignotti 4A SIA e Léia da Silva

Talves por causa da fatal tranquilidade
você è a imagem pra mim, querida vem
o noite! E quando te cortajam vontade
as nuvens de verào e a brisa se acalma,

e quando nevosa arìa vem a inquieta
escuridão logo o universo chegas
sempre descis invocada e o secretos
caminos do meu coração pega.

Vagar mi fazes o meu pensamento sobre da
pista que vão para o nada perene; e entretanto,
escapa esse mau tempo, e vão com ele multidão

das preocupação el se derreta;
e como eu olho a sua paz, durme
espirito guerrero que roge dentro de mim.

Original Italian Version

Forse perché della fatal quïete
tu sei l’immago a me sì cara vieni
o sera! E quando ti corteggian liete
le nubi estive e i zeffiri sereni,

e quando dal nevoso aere inquïete
tenebre e lunghe all’universo meni
sempre scendi invocata, e le secrete
vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensieri su l’orme
che vanno al nulla eterno, e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
quello spirto guerrier ch’entro mi rugge

***

A ŞACINTO

 Ugo Foscolo (1778-1827)

tradusiù dela Debora Vedovelli

Nè piö mai tocaró le sacre rie
‘ndoe ‘l me corp picinì l’è stat,
Şacinto mia, che te te spèciet nele onde
del mar dei greci ‘ndoe pötèla gh’è nasit

la Venere, e la fava bondà chèle tère
col so prim rider, e ‘l g’ha mia tasit
i to ciar nigoi e le to rame
le bèle parole de chel che le aive

del distì el ga cantat, e ‘l girulà en per töt
e grasie a chel, pié de fama e de sventüra
el basava la so Itaca marògna l’Ülise.

Te gnentóter ch’el cantà te garét del to fiöl,
o me tèra mader; a noter el distì
el g’ha urdinat ‘na tomba sènsa lagrime.

Original Italian Version

Né più mai toccherò le sacre sponde
ove il mio corpo fanciulletto giacque,
Zacinto mia, che te specchi nell’onde
del greco mar da cui vergine nacque

Venere, e fea quelle isole feconde
col suo primo sorriso, onde non tacque
le tue limpide nubi e le tue fronde
l’inclito verso di colui che l’acque

cantò fatali, ed il diverso esiglio
per cui bello di fama e di sventura
baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,
o materna mia terra; a noi prescrisse
il fato illacrimata sepoltura.

***

E L’E’ SÜBIT SERA

Salvatore Quasimodo (1901-1968)

Tradusiù del Nicolò Beschi

Ogniǜ le sta da sul söl cör de la tera
enfilsat da ‘na spéra de sul:
e l’è sübit sera.

Original Italian Version

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di Sole:
ed è subito sera.

***

SULDACC

Giuseppe Ungaretti (1888-1970)

Tradusiù del Mattia Massolini

Se sta come
d’ aütüno
söle piante
le foie

Original version

SOLDATI

Si sta come
d’autunno
sugli alberi
le foglie